arrow-linkcarousel-next-arrowcarousel-prev-arrowcontract-imocontract-medemail-sharegaranziaglobegoogle-plus-shareicona-altezza-strutturaicona-altezza-strutturaicona-dispositivo-medicoicona-imbottitura-five-senseicona-lato-invernale-estivoicona-materasso-reversibileicona-portanzaicona-rivestimento-lavabileicona-rivestimento-sfoderabileicona-struttura-combinabileicona-tessuto-trilogylogo-beddinglogo-hildingpinterest-sharesearchslider-next-arrowslider-prev-arrowsocial-facebooksocial-feedsocial-flickrsocial-google-plussocial-instagramsocial-linkedinsocial-pinterestsocial-twittersocial-youtubetwitter-share
Cultura del prodotto

Leggere a letto

Leggere a letto

Leggere un libro nella tranquillità della propria camera da letto è tra le attività più rilassanti che possano estraniarci dal ritmo frenetico della quotidianità. Immergersi tra le pagine di un romanzo ci permette di viaggiare con la fantasia, ci aiuta a evadere e a sognare. Ma, se nel nostro immaginario, avvolgersi in una coperta per abbandonarsi alla lettura rappresenta il totale relax, nella realtà non sempre si riesce a trovare la posizione più comoda e corretta: arti che si indolenziscono, collo dolorante e spalle in tensione ci fanno capire che stiamo tenendo una postura errata.
Ma qual è la giusta posizione per leggere?

Leggere a pancia in giù

Leggere in posizione prona comporta un inarcamento eccessivo della zona lombare, sollecitandola in modo negativo, mentre le zone delle spalle e del collo vengono tenute in costante tensione. Cosa fare?
Se soffrite di cervicale, troverete sollievo posizionando un cuscino sotto il torace. Se inoltre appoggerete il mento al cuscino manterrete il viso sufficientemente lontano dal libro.
Se il vostro cruccio è il mal di schiena mettete un cuscino sotto l’addome, in questo modo la colonna vertebrale non si inarcherà in modo innaturale e voi starete sicuramente più comodi.

Leggere su un fianco

Posizionarsi su un fianco non è consigliabile, perché scaricando il peso del corpo su un braccio questo tenderà a indolenzirsi. Se comunque desiderate leggere in questa posizione, girate leggermente il bacino, per poter avere una parte del ventre appoggiata sul letto e piegate la gamba che resta sopra, in modo che il polpaccio posi su quella che resta a contatto con il letto (se siete distesi sul lato destro piegherete la gamba sinistra e la poggerete su quella destra che resterà dritta).
Un ulteriore suggerimento è quello di appoggiare avambraccio e capo su un cuscino, mantenendoli in linea con il corpo in modo da evitare proprio l’irrigidimento del braccio.
Leggere sul fianco è sconsigliato soprattutto a chi soffre di artrosi perché potrebbe accentuare eventuali dolori alle spalle.

Leggere supini

Leggere in posizione supina può essere la soluzione ideale, ma è fondamentale mantenere la schiena sollevata, per non incorrere in dolori lombari e cervicali. Per aiutarvi potete utilizzare dei cuscini: il primo posizionato tra la zona lombare e le scapole e il secondo dietro la testa. È indispensabile mantenere le gambe piegate, sfruttandole così per sostenere il libro. Sollevare talvolta i piedi distendendo e contraendo i muscoli delle gambe, favorisce la circolazione sanguigna e può essere di aiuto in particolar modo a chi soffre di problemi alle anche.

Buona lettura a tutti!

 

Photo credit: StockSnap

Coupon trigger
Novità dal mondo Bedding

Se acquisti un materasso più una rete Bedding, otterrai l’estensione della garanzia su entrambi per 3 anni!

Scopri di più