arrow-linkcarousel-next-arrowcarousel-prev-arrowcontract-imocontract-medemail-sharegaranziaglobegoogle-plus-shareicona-altezza-strutturaicona-altezza-strutturaicona-dispositivo-medicoicona-imbottitura-five-senseicona-lato-invernale-estivoicona-materasso-reversibileicona-portanzaicona-rivestimento-lavabileicona-rivestimento-sfoderabileicona-struttura-combinabileicona-tessuto-trilogylogo-beddinglogo-hildingpinterest-sharesearchslider-next-arrowslider-prev-arrowsocial-facebooksocial-feedsocial-flickrsocial-google-plussocial-instagramsocial-linkedinsocial-pinterestsocial-twittersocial-youtubetwitter-share
Cultura del prodotto

Arriva il caldo: dormire con il climatizzatore o no?

Arriva il caldo: dormire con il climatizzatore o no?

Ogni anno è la stessa vecchia storia: arriva il caldo e le nostre notti si fanno torride. E così largo ai classici rimedi o a soluzioni avveniristiche, per riuscire ad avere una piccola tregua dalla calura e godere di qualche ora di sonno tranquillo.

Eppure, tra climatizzatori polari e bagni di ghiaccio notturni, rischiamo di compromettere la nostra salute. Ecco quindi alcuni consigli per dormire freschi senza pregiudicare il nostro benessere.

Aria condizionata: come utilizzarla in modo corretto

Certo, grazie al continuo sviluppo tecnologico, l’aria condizionata ci consente di affrontare senza problemi le calure notturne. Eppure, abusare del climatizzatore, utilizzandolo in modo scorretto e senza le dovute precauzioni, può rivelarsi un’arma a doppio taglio per la nostra salute.

Mal di gola, problemi alle cervicali, emicranie, indolenzimenti, dolori articolari e allergie sono solo alcuni dei principali disturbi che un uso improprio dell’aria condizionata causa periodicamente .

Ecco come utilizzare al meglio il climatizzatore, evitando gli effetti indesiderati:

  1. Abbassa la temperatura di soli 5 o 6 gradi rispetto quella esterna. Scendere al di sotto di questo limite può provocare malattie da raffreddamento, sinusiti o cefalee.
  2. Non utilizzare l’aria condizionata dopo la doccia o quando si è troppo accaldati e sudati. Rientrare a casa dopo una giornata in spiaggia, o dopo una corsa, e trovare una temperatura bassa potrà essere piacevole, ma non è di certo salutare per il nostro organismo.
  3. Copri le parti del corpo più delicate come il collo, le spalle e la schiena. Per i più soggetti a colpi di freddo, è sempre bene ricordare di vestirsi adeguatamente, specie se il periodo di permanenza negli ambienti climatizzati non è breve.
  4. Non esporti direttamente al getto d’aria e posiziona i bocchettoni dell’aria verso il soffitto: l’aria fresca tenderà comunque a scendere verso il basso.
  5. Evita di tenere l’aria condizionata accesa per tutta la notte: sfrutta piuttosto la funzione timer o temperatura massima per fare in modo che il climatizzatore si spenga in automatico o si attivi solo se la temperatura supera una certa soglia.
  6. Pulisci periodicamente i filtri del tuo condizionatore:  con l’utilizzo prolungato del climatizzatore, acari, pollini e polveri potrebbero accumularsi e mettere in circolo particelle e batteri dannosi per la salute. Per questo è bene procedere a una pulizia periodica, in particolare prima della stagione calda.

Affrontare il caldo notturno senza condizionatore

Non tutti amano utilizzare il condizionatore e non sempre possiamo disporre di stanze climatizzate. Dormire bene nonostante il caldo è possibile, magari seguendo qualche piccolo accorgimento.

  1. Dormire nudi non serve contro il caldo. Certo la tentazione c’è, ma in realtà un pigiama o una maglietta in cotone leggero (anche la semplice biancheria intima) permettono di assorbire il sudore, migliorando il tuo riposo.
  2. Usa sempre lenzuola e biancheria da letto in cotone: migliora la traspirazione e consente il passaggio dell’aria.
  3. Prova un cuscino termico. In vendita presso le farmacie, questo articolo viene usato soprattutto d'inverno, perché una volta scaldato nel microonde emana calore. Può però rivelarsi molto utile anche d’estate: infilalo in un sacchetto di plastica e poi nel freezer per circa un paio d'ore e avrai un guanciale fresco per diverse ore.
  4. Una doccia fresca, o tiepida, concilia il sonno perché abbassa rapidamente la temperatura corporea, rilassa e libera la pelle dal sudore.
  5. Assumi una posizione fresca: d’estate l’ideale sarebbe dormire soli e addormentarsi con gambe e braccia leggermente aperte e scostate dal corpo.
  6. Evita le fonti di calore: a volte non ci pensiamo, ma lampadine, trasformatori e apparecchi sono tutte fonti di calore. D’estate impara a godere della luce serale il più possibile e di notte stacchia o allontana i tuoi apparecchi (cellulari, televisori, computer). Questo, oltre al calore, consentirà di ridurre le onde elettromagnetiche.

E il ventilatore?  

Spesso sconsigliato, questo vecchio compagno può invece rivelarsi utile in mancanza di un climatizzatore e in caso di necessità, sempre che si seguano alcune semplici, ma importanti, regole di utilizzo:

  • Non puntare il ventilatore direttamente contro di te, rivolgendolo preferibilmente verso il soffitto.
  • Utilizza la modalità “rotazione”, in modo che il getto non rimanga fisso, muovendo meglio l’aria nella stanza.
  • Imposta il timer (gli ultimi modelli ne sono forniti), in modo da tenerlo acceso solo il tempo necessario a prendere sonno.
Coupon trigger
Novità dal mondo Bedding

Se acquisti un materasso più una rete Bedding, otterrai l’estensione della garanzia su entrambi per 3 anni!

Scopri di più